Lost in the sky

Lost in the sky

Saturday, 15 November 2014

Se leggete la cosa giusta, LEGGERE non è noioso.

Pian piano ogni passione salta fuori, come le stagioni che non si sa mai quando arrivano veramente.
AUTUNNO, oltre alle foglie che cadono, ai colori caldi, alla zucca e ai cachi per me significa the caldo, copertina e un buon LIBRO.
Chi sa di cosa sto parlando apprezzerà quello di cui scriverò oggi.

Fin da piccola son sempre stata affascinata dai libri, infatti anche se non sapevo ancora leggere, facendo finta, leggevo libri più grandi di me.
Negli anni passati ero capace di leggermi 10 libri durante i mesi estivi, un po' obbligata ma anche un po' per piacere, ciò che rimane è che volevo e voglio tutt'ora arrivare sempre all'ultima parola, la prima che leggo prima di iniziare un libro.
Quando inizio un libro metto sempre la data in cui inizio a leggere.
Mie fissazioni, da non badare.
L'unico problema che salta fuori ogni tanto è la mancanza di concentrazione, si, perchè per leggere un libro io ho bisogno di avere la testa libera, senza troppe preoccupazioni o cose da fare.
Riesco a leggere sulla metro o in un caffè ma non ci deve essere nessuno e niente capace di attrarre la mia attenzione perché se no addio lettura.

La scelta del libro deriva da TRE FATTORI FONDAMENTALI:
- l'ultima parola
- la copertina
- l'odore delle pagine.

Non importa che libri siano o che trame abbiano, certo ho una tipologia preferita, ma le cose fondamentali sono proprio queste tre.
L'ultima parola deve essere positiva, la copertina accattivante (anche se ho letto libri dalle copertine completamente bianche) e l'odore delle pagine, possono odorare di nuovo ma il vecchio/antico mi colpisce di più.

Adoro le librerie, ho la capacità di starci dentro per ore senza annoiarmi o stancarmi, come se perdessi la cognizione del tempo perchè per me è davvero solo un piacere perdermi tra gli scaffali, tra le mille storie ed avventuro che qualcun'altro  ha deciso di raccontare o di inventare e poi perché alla fine esco sempre con un libro in mano.
In verità vorrei essere la proprietaria di uno di questi luoghi MAGICI, dove le parole sono le protagoniste e dove regna il minimalismo, magari con un angolo food and beverages, grande abbastanza per avere la possibilità di organizzare eventi, mostre d'arte e incontri con gli artisti.
Ecco vi ho svelato il mio sogno nel cassetto.
Potrebbe sembrare una cosa bizzarra, questo sicuramente in Italia, ma all'estero di posti così ce ne sono parecchi ed proprio viaggiando che ho coltivato questo mio desiderio.
Se si avvererà, cosa molto improbabile ma mai dire mai, sarò la persona più felice della terra.
Adoro unire più passioni nello stesso luogo e la passione cioccolato-libro o the-arte credo siano dei connubi perfetti.

Non avendo ancora niente in progetto, continuerò a cercare tra gli scaffali delle librerie il libro perfetto (anche se ho già una Top10) e il posto ideale per trascorrere le mie giornate.
Poi qualcuno mi dice che son esagerata, ma quando si parla di passioni non bado a spese e non resisto quindi l'altro giorno non ho comprato un libro ma ben quattro.
Non vedo l'ora di finire l'ultimo libro che mi manca del mio autore preferito ovvero "Il palazzo della mezzanotte" di Carlos Ruiz Zafon, per iniziare uno dei quattro libri che ho comprato.
Non so ancora se poterveli consigliare ma i tre fattori fondamentali son presenti quindi tentar non nuoce e io mi ci voglio "buttare" tra le pagine di questi romanzi.

I libri sono:
1. " L'America non esiste" di Antonio Monda
2. " Treno di notte per Lisbona" di Pascal Mercier (c'è anche un bellissimo film)
3. " L'arte della felicità" di Dalai Lama con Howard C. Cutler
4. " Rosa d'autunno" di Mary Westmacott meglio nota come Agatha Christie
Casa editrice : Mondadori.


Leggere non dovrebbe essere noioso, basterebbe scegliere nel modo giusto.
Oggi pomeriggio? IO LEGGO nel frattempo in the air: All about that bass - Meghan Trainor.
E' stato piacevole entrare su Spotify e vedere che un advice di ascolto fosse chiamato : "Un the e un libro".