Lost in the sky

Lost in the sky

Monday, 15 September 2014

Corri che ti passa.

C'è un momento per tutto, anche per se stessi.
Un momento in cui io due righe le scrivo volentieri.
Un momento mio, che mi ha sempre aiutato a trovare la "pace con me stessa", meglio farla prima con se stessi che con gli altri, dove i pro e contro vengono scritti con disinvoltura e senza problemi, dove le emozioni più nascoste uscivano allo scoperto e dove le incazzature sparivano. 
Io lo chiamo il momento del Self-control.
Scrivere, ora anche pubblicamente, è la mia terapia d'urlo, ah no era "terapia d'urto", insomma ci siamo capiti, un momento in cui do tutta me stessa.
Strano farlo tra le righe di questa pagina bianca, son sempre stata abituata a farlo sul campo gara e da poco anche sull'asfalto.
Si, asfalto e non perchè ho deciso di spiaccicarmi per terra ma perchè ho deciso di iniziare a correre.
Correre? Ma perchè? 
Giuro che non sto scappando da nessuno e da niente.
Ho iniziato, non troppo tempo fa, per amore non per necessità, si direi proprio che son stata trascinata fuori di casa dove mi è stato detto "Now, We'll run 5km!". 
Dal pensavo stesse scherzando son passata al pensavo di morire li. 
Si, sull'asfalto e con la faccia a terra. 
Poi quando ho capito che l'amore non bastava allora ho iniziato a correre per ME.
Si, e quando sono incazzata corro meglio, ho le prove.
Tra me e me mi dico sempre : "Corri che ti passa"
E quello così diventa il MIO momento, infatti spesso corro da sola, con la mia musica, il mio passo e con il mio cuore.
Ci metto davvero tutta me stessa perchè non accetto le sconfitte, odio perdere, anche se non c'è nessun reale avversario, ma ogni tanto il mio corpo si ribella e ho bisogno fisicamente di fermarmi.
Ho i miei obbiettivi, i miei giorni, non tutti, e le mie soddisfazioni. 
Eppure vi giuro a me correre non è mai piaciuto, sempre odiato, sempre visto come la punizione e come un momento di noia terrificante.
Adesso invece lo trovo benefico, sopratutto per la testa.
Arrivo alla fine che sono in un fascio di endorfine non di nervi.
Dovreste provare, vi assicuro che ne sareste solo soddisfatti. 
Non è necessario pretendere di fare distanze da mezze maratone, bastano pochi km per sentirsi meglio. Basta metterci un pizzico di passione per superare qualsiasi ostacolo, qualsiasi numero, qualsiasi tempo.

Correte? Quando? Dove? Come? Perchè ? 

Ci. 

Ps: se cercate su Instagram l'hashtag #cmonskiri potrete "CORRERMI" dietro :) 


E chi non avesse visto questo film, ma dubito, GUARDATELO.
Forrest Gump è un film del 1994 diretto da Robert Zemeckis e interpretato da Tom Hanks.